Bambini difficili

12 Lug
by Francesca Vottero Ris, posted in Bambini, Psicologia   |  Commenti disabilitati su Bambini difficili

Non vanno ancora a scuola e sono sempre più rabbiosi e aggressivi tanto che spesso vengono appellati come bambini difficili o peggio bambini cattivi.
E non sono la minoranza perchè ben un bambino su dieci in età prescolare, ovvero fino ai cinque anni, presenta disturbi del comportamento di vario grado. Se è vero che gli esperti rassicurano che spesso non si tratta di una patologia vera e propria, è un segnale da non sottovalutare e che va letto come la crescente difficoltà dei genitori di educare i proprio figli in una società sempre più complessa e con punti di riferimento troppo mutevoli.
Fortunatamente il più delle volte si possono escludere difetti della sfera cognitiva o particolari patologie organiche, mentre si riscontra appunto una forte tendenza a crisi di rabbia, collera e opposizione. Una carica di aggressività, “che rende questi bambini estremamente difficili da educare”.
E bisogna considerare gli effetti a lungo termine di queste difficoltà che emergono già nella prima infanzia, infatti sono proprio i bambini oggi difficili quelli con maggiore probabilità domani di sviluppare condotte a rischio, dalla fuga alla micro-delinquenza.

COSA FARE SE IL  BAMBINO HA UN COMPORTAMENTO ATIPICO?
Rivalita tra fratelliTuo figlio è diventato improvvisamente timido e pauroso quando è fuori casa mentre in casa non smette mai di strillare o piangere quando vuole ottenere ciò che desidera diventa una furia, corre urla ed ha un comportamento insopportabile?
Il tuo bambino manifesta comportamenti così diversi da quando è a scuola a quando è a casa o in ambienti extrascolastici? Ti sei chiesta più volte cosa accadrà quando diventerà più grande?

CHIEDI CONSIGLIO AD UNO SPECIALISTA DELLA PISCOLOGIA DELLO SVILUPPO.

La psicologia dello sviluppo ha messo in evidenza come, durante i primi anni di vita, i bambini attraversino diverse fasi di sviluppo. Tali periodi evolutivi comportano importanti modifiche a livello corporeo, affettivo e cognitivo. Spesso possono presentarsi disarmonie transitorie, caratterizzate da eccessiva timidezza, esplosioni di rabbia violente, difficoltà nelle relazioni con gli altri. Quando si verificano questi episodi è necessario valutarne intensità, frequenza e durata. Inoltre è importante considerarne la pervasività: cioè il mantenimento nel tempo e in differenti contesti. Se è vero che tali difficoltà compaiono in modo transitorio e soltanto in alcune circostanze uno specialista del campo può aiutare i genitori a registrare e considerare i comportamenti atipici del bambino ed eventualmente sostenere i genitori e fornirgli strumenti per poter gestire in modo autonomo la situazione oppure là dove sussistono dei problemi diagnosticabili intevenire preventivamente per evitare lo strutturarsi di un disagio di difficile gestione poi nell’età adolescenziale.

Dott.ssa Francesca Vottero Ris, psicologa a Torino.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     

Tagged ,

About Francesca Vottero Ris

Psicologa a Torino

Comments are closed.